Google+ Followers

mercoledì 29 agosto 2012

sacchetto regalo in iuta

Oggi è il compleanno di una mia carissima amica, e anche lei è amante delle scatole colorate, così ne ho comprate due, una rettangolare e una cappelliera, ma poi mi sono posta il problema di come potevo incartarle per non far capire subito di cosa si trattava, ..... e guardate cosa è venuto fuori:

 carino vero?


sabato 25 agosto 2012

lavori in iuta

L'altro giorno  insieme a mio marito passeggiavamo per il centro di Roma, nei pressi del Pantheon....
allora  ci siamo detti "cosa c'è di meglio di una granita al caffè con panna alla tazza d'oro?"
niente, così siamo entrati e vicino alle casse erano in vendita i sacchi del caffè in iuta a solo 1 euro, l'ho preso e da allora ho iniziato a pensare cosa potevo farci, dopo qualche giro sul web ecco cosa è venuto fuori :




Questa è la sedia della cameretta, prima del trattamento (volevo quasi buttarla via)





Questa è la stessa sedia ricoperta con iuta, ho scelto la parte della scritta del sacco perchè mi sembrava più simpatica










Questo invece è un sottovaso che ho montato con la retina di metallo che avevo comprato per fare gli espositori per la bigiotteria, e poi ho cucito con un filo della stessa iuta un rettangolo di stoffa direttamente sulla retina, ed ecco il risultato


tendina con mantovana uncinetto

ho finalmente portato a termine il progetto della tendina per il bagno ed ecco il risultato







dalla foto non è molto chiaro, la tendina è in cotone a righine bianco e verdino, la mantovana all'uncinetto è tratta da Burda Special
Filet all'uncinetto di qualche anno fa (sulla copertina non c'è l'anno)

giovedì 23 agosto 2012

mobiletto rivisitato



Dopo tante riflessioni ecco rivisitato il mobiletto del bagno con una bella casetta di stoffa.









domenica 12 agosto 2012

agriturismo S.Oreste

solo un assaggio del posto ...rilassante









piccola esposizione a S. Oreste

Espositori per bigiotteria fatti con la rete metallica, devo dire che sono risultati molto efficienti, ci si può inserire tante cose, gli orecchini, le collane e i bracciali e fare un'esposizione di tanti articoli in poco spazio









 qui ci sono tutte le cosine fatte ad uncinetto e con la caterinetta più varie




 ed ecco spiegato a cosa servivano le candele, naturalmente solo un piccolo effetto di luce

....vasetti portacandele

ancora dei vasetti portacandele, alcuni decorati con lo spago e fiori e nastrini










altri con semplici nastrini colorati





giovedì 9 agosto 2012

mercoledì 8 agosto 2012

stola con filo lurex



ecco l'ultima nata, una stola in lana merino con filo in lurex per LEDA
da ravelry:

Sandra's Stole



ho ripreso solo la decorazione iniziale e finale









sabato 4 agosto 2012

studio logo

Ecco un'idea del logo
devo dire che non mi dispiace
si accettano consigli naturalmente.....

venerdì 3 agosto 2012

gatti


Ecco le impronte dei gatti che vorrei utilizzare per fare uno stencil






Queste immagini mi fanno venire voglia di fare il punto croce
.....potrebbe nascere una nuova mania.....
vedremo!!!!!!











giovedì 2 agosto 2012

varie


un pò di immagini da internet














dal sito: http://www.faidatemania.it



come realizzare un astuccio per conservare le posate

di Elena Bussolaro difficoltà: media letto: 95 volte
Come realizzare un astuccio per conservare le posate

Conservare le posate, soprattutto quelle più preziose come quelle d'argento, richiede molta cura e molto tempo. Anche i materiali più pregiati infatti tendono con il tempo ad ossidarsi e lo stesso sfregamento tra le posate stesse le usura e le rovina irrimediabilmente. Avere un astuccio in stoffa in cui conservarle ordinatamente può servire a risparmiare ore di lavoro e permette di conservare al meglio il nostro servizio di posate.

Occorrono:
Occorrente per il cucitoStriscia di cotone resistente

Scopri come fare:

  • 1

    Come realizzare un astuccio per conservare le posate

    Iniziamo realizzando ilprogetto su carta del nostro portaposate, per verificare che le misuresiano giuste e possa contenere tutte le nostre posate. Il portaposate aperto conterrà tutte le tasche necessarie e verrà chiuso arrotolandolo su se stesso e legandolo con il laccio applicato.
    Il progetto cartaceo dovrà essere un rettangolo della larghezza necessaria per contenere tutte le posate, quindi calcoliamo circa 3cm per ogni posata e lo moltiplichiamo per il loro numero.
    L'altezza deve corrispondere all'altezza delle posate più lunghe, più 12cm per dare maggiore ampiezza al contenitore e ripiegarlo sulle posate, sommiamo inoltre anche l'altezza della tasca, che sarà all'incirca la metà del totale del contenitore.
  • 2
    Una volta segnate e verificate le misure sul modello cartaceo posarlo sul tessuto e ritagliarlo seguendo con precisione i margini stabiliti.
    Ripieghiamo orizzontalmente la striscia formando una lunga tasca, è opportuno controllare nuovamente che la tasca riesca a contenere adeguatamente le posate più lunghe.
    Le posate devono poter uscire di almeno qualche centimetro dalla tasca ed avere nel margine superiore circa 12cm di stoffa per ripiegarla all'interno su di esse e proteggerle meglio.

    vedi anche :http://www.faidatemania.it/come-realizzare-un-porta-veline-reversibile-140906.html

tra le idee... di lavoretti da fare






CONFEZIONATE UNA TENDA La tenda che vi presentiamo è un’esercitazione di cucito e un’occasione per scoprire in voi una vocazione artistica alla pittura.
Occorrente e dimensioni della tenda (e quindi il quantitativo di tessuto occorrente) dipendono dalle dimensioni della finestra. Nel nostro caso abbiamo usato come riioga il classico bastone ottocento con la tenda montata con anelli. Misurate quindi dal bastone ad un paio di centimetri da terra. A questa misura aggiungete cm 25 di orlo al fondo e cm 6 di orlo in alto. La misura della larghezza della finestra può essere raddoppiata o triplicata se si desidera la tenda molto ricca: nel caso della tenda dipinta a mano è preferibile che la tenda sia piuttosto tesa, per mettere in evidenza la parte dipinta. Nel caso della nostra finestra (altezza cm 2,75, da terra al bastone; larghezza del bastone m 2,80) il tessuto occorrente per la tenda è di m 6 di tela alta cm 180. Occorrono anche m 3,60 di fettuccia di cotone alta cm 4. Dipingete la tenda con colori speciali per dipingere su tessuto, che potrete trovare nei negozi specializzati.
Confezione Tagliate a metà la metratura del tessuto in modo da ottenere due teli di m 3 di lunghezza ciascuno. Unite i due teli a sopraggitto seguendo la spiegazione data all’inizio della lezione a questo proposito unendo le due cimose del tessuto.





Stirate appiattendo bene la cucitura ed eseguite in fondo all’ orlo di cm 24 con cm 1 di ripiego, fissandolo con una cucitura a macchina; l’orlo in alto risulterà di cm 5 finito (fig. 1A e B). Se avete eseguito la tenda a pannello semiliscio (fig. 1A) imbastite la fettuccia sul rovescio della tenda a cm 1 dal margine superiore e cucite a macchina lungo il margine inferiore della striscia, fissando con una sola cucitura la fettuccia e l’orlo alla tenda; questa cucitura terminerà verticalmente agli estremi. Ripassatela due volte per renderla ben solida. Fissate ad intervalli di cm 12-15 l’altezza della fettuccia alla tenda, mediante un insieme di cuciture diagonali e verticali; eseguite ciascuna cucitura in un sol pezzo, senza rompere il filo. La fettuccia resta libera ad intervalli, così da poter offrire presa alla pinza che unisce la tenda agli anelli. Se avete scelto il tipo di tenda più ricco (fig. 1 B) suddividete i centimetri che avanzano dalla misura di larghezza della finestra, per formare dei cannoncini, cioè due pieghe che guardano da parti opposte, così da distribuire meglio la ricchezza della tenda. Il numero di questi cannoncini dipende dalla quantità di stoffa in più oltre la misura della larghezza-finestra. Ogni cannoncino abbisogna di cm 10-12 in totale per formare due pieghe di circa cm 5-6 ciascuna. Eseguite le pieghe dei cannoncini alla distanza stabilita ed imbastitevi sopra la fettuccia, seguendo le stesse regole spiegate per l’applicazione sulla tenda liscia. È ovvio che l’insieme di cuciture diagonali e verticali va eseguito proprio sul rovescio di ogni cannoncino, così da fissarlo ed irrigidirlo. Con il lavoro così eseguito la parte a pieghe della tenda non avrà tendenza a cadere verso il basso.








ferri allungati

forse un pò troppo.....allungati